La storia 

di Sabrina

two-newborn-twins-are-sleeping-together_

Il mio racconto inizia il 22 maggio 2013, giorno in cui mi sono partite quelle contrazioni che avevo imparato a conoscere alla fine della prima gravidanza. Il 22 maggio, a 31+6, sono partiti i prodromi di travaglio...i miei gemelli avevano fretta di uscire, così siamo corsi nell'ospedale più vicino anche se non era quello in cui mi stavano seguendo. Da quando mi hanno attaccato il tracciato hanno deciso di ricoverarmi per cercare di arrivare a 36 settimane, ma nel giro di qualche giorno la situazione è precipitata e la mattina del 29 maggio, tramite T.C. sono nati i miei ometti.

 

Ho potuto vederli solo tramite una foto scattata, qualche ora dopo, dal papà.... erano 2 piccole ranocchie nude e piene di tubicini. La mattina dopo sono potuta andare da loro, avrei voluto fare tante cose: baciarli, annusarli, rassicurarli.... la realtà è stata molto diversa, non ho potuto fare altro che sedermi accanto alle incubatrici appoggiando, per pochi minuti, una mano sulla testa e una mano sui piedini ma senza muoverle per non causargli tachicardia.

 

Il non poterli accudire è stato orribile, mi sembrava non fossero miei.

 

La prima volta che ho potuto prenderli in braccio, dopo quasi una settimana, è stata quasi come poter respirare dopo una lunga apnea; quei minuti di marsupio terapia mi facevano sentire la loro mamma. Il giorno in cui sono stati dimessi è come se fosse stato, per assurdo, il giorno del parto.... erano finalmente "miei", nessuno avrebbe più deciso come e quanto potevo coccolarli, ci saremmo, finalmente, imparati a conoscere. Nonostante io abbia trovato infermiere meravigliose e molto dolci nella T.I.N. dove Yuri e Matias erano ricoverati.

 

Non augurerei questo percorso nemmeno al mio peggior nemico.

 

 

Sabry

 

 

#prematurità #pretermine #intubato #incubatrice #trasfusione #terapiaintensivaneonatale #TIN #testimonianza #gemelli

received_250653162264652 (1).jpeg
received_264093450978834 (1).jpeg